Orton effect

Inventato da Michel Orton negli anni novanta questa tecnica fu creata per dare un look "sognante" alle fotografie, senza utilizzare i filtri "soft focus" che avrebbero tolto troppo dettaglio.

La tecnica originale prevedeva lo scatto di una fotografia sovraesposta di 1 stop e un'altra sovra esposta di +2 stop e sfuocata, le fotografie venivano poi sovrapposte e stampate.

Nell'era digitale vi sono numerosi modi di realizzare il medesimo effetto e numerosi plugin che permettono di farlo semplicemente, ne ho provati alcuni e ho selezionato questo plugin per gimp (in realtà è uno script ma non stiamo a sottilizzare).

Scaricate il plug in dal repository di gimp e copiate il file orton.scm, poi copiatelo in nella cartella di gimp e nella sotto cartella \share\gimp\2.0\scripts, riavviate gimp e troverete lo script in: Filtri > Artistici > Orton.

Per usare al meglio questa tecnica è meglio partire da una immagine in formato RAW, e sviluppatela con una sovra esposizione di 1 stop e con una esposizione di 2 stop.

Aprite in GIMP l'immagine sovra esposta di 1 stop e lanciate il plugin, gimp vi chiederà di aprire un'ulteriore immagine che dovrà essere quella sovra esposta di 2 stop.

Qui di seguito un esempio.

 

Fotografia Originale

immagini sovra esposte +1 stop e +2 stop

Immagine Finale

Share

Share!

FacebookGoogle Bookmarks