Harris Shutter

La tecnica che andiamo a presentare non è propriamente basilare, ma non è nemmeno particolarmente complicata.
E' derivata dalla tecnica che veniva utilizzata prima delle pellicole a colori per realizzare immagini a colori e presupponeva l'utilizzo di 3 fotografie realizzate
mettendo dei filtri colorati Rosso Verde e Blu davanti all'obbiettivo.
Tecnica che prende il nome da Robert S. "Bob" Harris dipendente Kodak, anche se la sua origine si perde nella notte dei tempi della fotografia, basta vedere questa immagine.



Questa fotografia è datata grosso modo dei primi del 900.

La tecnica che ora andiamo a descrivere è stata realizzata su Gimp da Meet the Gimp
Qui potete trovare il video originale dopo 15 minuti viene mostrata questa tecnica in dettaglio, il video è in inglese.

Partiamo con 3 immagini, queste devono avere 2 caratteristiche fondamentali, avere dei soggetti in movimento ed essere prese con un cavalletto in modo che ciò
che non si è mosso sia nella medesima posizione sul fotogramma.

Aprite le 3 immagini con GIMP, nel menù dei layer vedete la voce sfondo, scegliete una delle 3 immagini come base e trascinate lo sfondo delle altre due
sulla terza

 

 

Una volta che su una immagine abbiamo i 3 layers, possiamo chiudere le altre 2 immagini per evitare confusione.
Nominiamo i 3 layers come più ci aggrada, se vogliamo vederli tutti e tre impostiamo l'opacità dell'ultimo in basso al 100%, quelle del medio al 66% e quella del primo al 33%.
Se desideriamo allinearle, ipostiamo l'opacità al 100% e la modalità dei layer in Differenza, se sono perfettamente allineati vedremo nero tutto ciò che non si è mosso
utilizziamo la le frecce della tastiera per spostare il layer selezionato dopo aver selezionato il pulsante con le 4 frecce, come indicato nell'immagine.



Quando saremo soddisfatti dell'allineamento potremo selezionare il primo layer, dopo aver riportato l'opacità al 100%, andare nel menù Colore, Componenti, Scomponi e scegliamo RGB.



Facendo ciò ci troveremo uno nuova immagine, in bianco e nero fatta di 3 Layers che rappresentano le componenti dei 3 colori principali dell'immagine, di questa immagine terremo un
solo colore, ad esempio il blu, cancellando gli altri 2 layers.
Ripetendo l'operazione per per i rimanenti layers dell'immagine a colori e tenendo di volta in volta un colore diverso ci troveremo 3 immagini in bianco e nero
ognuna con un layer di un colore diverso, una avrà il blu, una il verde e l'ultima il rosso.
Fatto questo selezioniamo una delle immagini in bianco e nero torniamo in colori, componenti e selezioniamo Componi.


Fatto questo selezioniamo i 3 layers assegnando correttamente i colori e il risultato è questo !



Una variante, interessante è quella di desaturare i 3 layers originali e ricomporre ottenendo in bianco e nero tutto ciò che non si è mosso e con i 3 colori ciò che invece si è mosso.



Un altro esempio della variante che prevede la desaturazione, come possiamo vedere le temperature di colore delle luci delle varie vetrine che si riflettono sul colonnato vengono fuori come componenti di colore, mentre questo, sul soffitto, che invece ha le medesime luci lungo tutta la galleria non si nota.

 

Share

Share!

FacebookGoogle Bookmarks