Il graduato grigio

Un filtro che personalmente uso molto spesso è il graduato grigio che tra me e me chiamo spesso l'amico delle nuvole.

A molti di voi dovrebbe essere chiaro il concetto di gamma dinamica ovvero la capacità di una pellicola o di un sensore di registrare differenti livelli di luminosità, ci si trova in alcune condizioni in cui le nuvole fotografate hanno poco "spessore" non si è in grado di distinguere i contorni delle nuvole perché tendono ad essere sovraesposte, se invece si vuole avere ben impresso il pattern delle nuvole si può arrivare ad avere il soggetto sottoesposto sopratutto se è in ombra o senza luce direttamente incidente.

Il graduato grigio toglie un po' di luce gradatamente di solito sono da 2, 4 o 6 stop.

I filtri graduati sono, come tutti i filtri, di 2 tipi: a vite oppure a telaio, i primi sono più facili da gestire mentre i secondi danno la libertà di muovere l'inizio del graduato per ovviare a un orizzonte non perfettamente in centro al fotogramma, personalmente preferisco questi in quanto danno più libertà.

Filtro Classico con ghiera

Filtro tipo cokin

In questa fotografia il graduato grigio è stato utilizzato per aumentare il dettaglio delle nuvole.

Zanzibar

 

Il secondo vantaggio dei filtri graduati è quello di "esagerare" alcuni aspetti del cielo in condizioni di luminosità particolari quale alba e tramonto, qui un piccolo esempio:

Monte Pelmo

In questa immagine senza il graduato grigio il cielo nero sarebbe stato difficilissimo da ottenere se non dopo una pesante post elaborazione e con il graduato a vita l'effetto di "scurimento" sarebbe cominciato dal centro del frame includendo anche la cima della montagna, mentre con il filtro a slitta è possibile gestire come vogliamo la posizione del graduato.

E' un accesso che potenzialmente è molto economico, io ho acquistato su ebay diversi graduati ed il supporto con poche decine di euro, se vi buttate sul blasonato produttore di filtri a slitta allora la spesa sarà superiore, ma a mio avviso ne vale sempre la pena!

 

 

 

 

Share

Share!

FacebookGoogle Bookmarks